Usando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie anche di terze parti.
Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere l'informativa.
accetto
 
INFORMAZIONI E CARATTERISTICHE
DEL DIZIONARIO LIVORNESE
•  Legenda »
 
Dizionario livornese
 
† A diàtti [addiàtti] · Locuzione che significa «E' già molto, accontentiamoci».
«A diatti se son vivo dopo l'incidente!»
† Abbituàre [abbituà] · Abituare.
«Ar freddo ti ci devi abbituà».
(†) Acchinàre [acchinà] · Chinare. Il riflessivo è acchinàrsi o più precisamente acchinassi.
«Mentre m'acchinavo mi s'è strappato le mutande».
Àffrica [àffria] · Africa.
Affricàno [affriàno] · Africano.
Aggaìre [aggaì] · Verbo che indica il disagio fisico provocato dalla fame, dalla sete, dal sonno e da altre sgradevoli sensazioni.
«Ragazzi, 'nniamo a casa, qui s'aggaisce dar freddo».
Aibò · Interiezione che esprime disgusto. Come ibò.
«Aibò i ragni!» (Che schifo mi fanno i ragni!)
Aimmèi · Vedi oimmèi.
Aimmèna · Vedi oimmèi.
Aimmène · Vedi oimmèi.
Aiò · Esclamazione che sta per «Attenzione! Occhio!»
† Aiòle · Vedi aiò.
Allezzìto · Può avere un'infinità di significati e sfumature, dipende dal contesto e dal modo in cui il vocabolo viene pronunciato. Si può partire da indigente, ridotto in miseria, sfortunato, vittima della società; per passare da lezzo, puzzolente, trasandato, barbone, schifoso; fino a ignorante, povero inetto, inesperto, o incapace di riuscire in una qualsivoglia attività. Addirittura, l'appellativo di allezzito può prenderlo un micragnoso, anche se ricco sfondato. E' un termine estremamente difficile da comprendere, se non si conosce a fondo la lingua livornese e la "livornesità" di chi la parla.
Àltro [àrtro] · Nient'altro.
«Signora, vòle artro? Artro, grazie» (Signora, vuole nient'altro? Nient'altro, grazie).
Ammarcìre [ammarcì] · Marcire.
(†) Amonìaca · Ammoniaca.
† Ànaci · Anice, anace.
† Ànco · Anche.
Antùa · Fastidio, tedio.
«Mi fai venì l'antùa» (Mi stai annoiando, mi fai venire il latte alle ginocchia).
· Interiezione atta a rafforzare il vocativo, il corrispondente di o nella lingua italiana: «Ascoltami, o mio Signore!» • «O Madre celeste, intercedi per noi!»
Il livornese, che non è propriamente un sofisticato, usa il vocativo quasi esclusivamente per ingiuriare (anche e soprattutto scherzando): « brodo!» • « stronzolo!» • « caàta!»
 
Contribuisci ad arricchire il dizionario »
www.catarsi.it © 2014 - 2017